Salvatore Martinez in Missione OSCE in Polonia Relatore all’Human Dimension Implementation Meeting (HDIM) Varsavia, 13 Settembre 2018

Salvatore Martinez, Presidente della Fondazione Vaticana “Centro Internazionale Famiglia di Nazareth” e del Rinnovamento nello Spirito Santo, nella veste di Rappresentante Personale della Presidenza Italiana in esercizio OSCE 2018 per la Dimensione 3 (Diritti Umani), con delega alla “lotta al Razzismo, Xenofobia e Discriminazione, con focus sull’Intolleranza e la Discriminazione contro i Cristiani e gli appartenenti ad altre religioni”, è a Varsavia per partecipare all’OSCE’s 2018 Human Dimension Implementation Meeting (HDIM), organizzato l’Ufficio dell’OSCE per le Istituzioni democratiche e i Diritti Umani (ODIHR).

La Riunione sull'attuazione della dimensione umana (HDIM) degli Stati partecipanti all'OSCE è in programma presso il Sofitel Victoria Warsaw Hotel dal 10 al 21 Settembre e rappresenta la più grande conferenza annuale sui diritti umani e la democrazia in Europa. È organizzata come piattaforma per i 57 Stati partecipanti all'OSCE, i partner per la cooperazione dell'OSCE, le strutture dell'OSCE, rappresentanti di altre organizzazioni internazionali e della società civile e altri attori attivi nel settore, per discutere dell'attuazione degli impegni OSCE in materia di dimensione umana.

Salvatore Martinez interverrà nella giornata del 13 Settembre (ore 10-13), in apertura della Sessione di Lavoro 6, centrata sul tema: “Tolleranza e non-discriminazione, compresa la lotta contro l'antisemitismo, la lotta contro l'intolleranza e la discriminazione nei confronti di cristiani, musulmani e membri di altre religioni”.

Le altre sessioni previste nelle diverse giornate affronteranno i seguenti temi: istituzioni democratiche, inclusa la democrazia a livello nazionale, regionale e locale e le elezioni democratiche; libertà dei media; ruolo delle legislazioni, declinate da un lato come l’indipendenza del sistema giudiziario, il diritto ad un processo equo e legislazione democratica e dall’altro come prevenzione di arresti arbitrari, detenzioni o esilii, discutendo altresì del tema dell’abolizione della pena di morte, della protezione dei diritti umani e della lotta al terrorismo; diritti fondamentali inclusa la libertà di pensiero, coscienza e di credo, di riunirsi e associarsi liberamente; tolleranza e antidiscriminazione con particolare riferimento alle minoranze nazionali e a gruppi vulnerabili come Rom e Sinti ed alla prevenzione di fenomeni come nazionalismi e razzismi; ruolo della società civile nella protezione dei diritti umani; diritti dei migranti; aiuti umanitari e procedure per combattere il traffico di esseri umani e di rifugiati; pari dignità per uomini e donne in tutte le sfere della vita; lotta al razzismo, alla xenofobia, all’intolleranza ed alla discriminazione; discussione delle attività sulla dimensione umana con particolare riferimento al project work.

 


© 2018 - Fondazione Vaticana "Centro Internazionale Famiglia di Nazareth" - All Rights Reserved

Questo sito utilizza solo cookie tecnici che consentono una migliore navigazione senza violare alcuna privacy. Nessun dato profilante viene raccolto o memorizzato.